"La Rivista di Engramma (open access)" ISSN 1826-901X

189 | febbraio 2022

97888948401

Come leggere Mnemosyne. Appunti sul metodo di analisi dei materiali nelle Tavole del Bilderatlas

Schede delle immagini, didascalie, bibliografia

a cura del Seminario Mnemosyne

§ Metodo di composizione delle schede delle immagini e delle didascalie

§ Metodo di compilazione della bibliografia delle Tavole dell’Atlante Mnemosyne

Metodo di composizione delle schede delle immagini e delle didascalie

La riformulazione dell’apparato didascalico nasce dalla necessità di correggere varie imprecisioni che sono state perpetuate nelle diverse edizioni dell’Atlante, in aggiunta a errori di trascrizione o di traduzione. Un solo esempio: quella che in tutte le edizioni italiane dell’Atlante è nominata come “Contadina” di Settignano è in realtà “Bäuerin” in Settignano, ovvero non già una contadina, ma una “villana” di Settignano (in inglese e in francese correttamente tradotto come “Peasant woman, Paysanne”). Inoltre, molti elementi meritano di essere rivisti perché spesso risultano trattati con una superficialità che inficia il valore epistemico dell’immagine e la funzione stessa della didascalia. Ad esempio l’immagine 7 di Tavola 46, indicata correntemente come un dettaglio dell’affresco di Ghirlandaio per la Cappella Tornabuoni, in realtà è una copia di bottega che attesta la diffusione e l’autonomizzazione della figura della Ninfa.

Scrivere – o piuttosto ri-scrivere – le didascalie delle immagini presenti nell’Atlante Mnemosyne significa tracciarne la geografia e rappresenta il primo passo, tra i più importanti e impegnativi, per lo studio dei temi proposti da Aby Warburg. Questo lavoro implica la scelta di una tassonomia e di uno schema ermeneutico plasmati sul pensiero che muove le ragioni della progettazione di ogni pannello, e di tutto l’Atlante, improntati su un metodo scientifico che, in quanto tale, prevede sempre una possibile reversibilità. È una prova e una scommessa: ma se il metodo sarà rigoroso, l’impegno sarà ripagato dalla messa in luce di sempre nuovi aspetti delle opere esposte, e dall’evidenza di nuove strade per il loro studio e comprensione.

Una prima fondamentale questione nella rielaborazione delle didascalie riguarda la necessità di distinguere tra l’oggetto reale – ovvero l’opera presa in esame (il dipinto, la statua, il disegno ecc.) – e l’elemento presente in tavola, ovvero la sua riproduzione fotografica. L’Atlante infatti, salvo rari materiali ‘originali’ – come francobolli, ritagli di giornale, cartoline – è di fatto un assemblaggio di fotografie. L’Atlante attualmente è smembrato e le singole fotografie sono conservate nell’Archivio storico del Warburg Institute di Londra.

Il campo oggetto raccoglie quindi i dati, aggiornati e corretti, disponibili dell’esemplare a cui l’immagine in tavola fa riferimento (titolo, autore, tecniche e materiali, dimensioni, datazione, collocazione), con un approfondimento particolare nelle note: piccole schede in cui si concenrtano alcune informazioni puntuali di tipo analitico, bibliografico e storico critico sull’oggetto, qualora siano funzionali ai motivi della presenza dell’elemento in tavola.

La descrizione precisa dell’elemento in tavola, cioè la riproduzione fotografica, ha di per sé una sua materialità e una sua misurabilità che vanno indagate, perché fanno parte del meccanismo di montaggio stesso della tavola: lo scarto di dimensioni tra elemento ed oggetto, così come il taglio dato alla foto, l’ingrandimento di dettagli o le ripetizioni rivelano lo sguardo dello studioso, un preciso sistema di lavoro che si avvale delle più moderne tecnologie del tempo. Chiaramente la lettura critica deve mantenere sempre la consapevolezza storica della reperibilità delle immagini e la loro fruizione all’inizio del Novecento, e la differenza fra scelta consapevole e mera casualità rimane un problema centrale, da affrontare Tavola per Tavola, elemento per elemento. Allo stesso modo, ampliando lo sguardo verso l’intero universo dell’Atlas, l’individuazione delle eventuali ricorrenze degli stessi oggetti in tavole diverse può corroborare l’importanza della stessa immagine, la sua ambivalenza, il processo di depolarizzazione e polarizzazione della sua carica energetica.

Le immagini sono interrogate non solo come singole particelle portatrici di senso ma come parti organiche di un sistema, funzionali ad una sintassi e una semantica visiva che si cerca di ricostruire a partire dalle parole che Aby Warburg ci ha lasciato nei suoi scritti. La semplice ricerca per parole-chiave della menzione dei materiali in tavola nel corpus dei saggi di Warburg fornisce complementarità di senso se accostata alla galassia-pannello in cui l’immagine è posta: un indizio in più nell’indagare l’intenzionalità progettuale.

Il campo soggetto posto alla fine della scheda predisposta per la didascalia contiene il frutto delle precedenti analisi alla luce delle quali il Seminario compie un’interpretazione dell’immagine che ha lo scopo di decifrare il significato dell’opera artistica per il tema della tavola. Di scheda in scheda questi esiti costituiscono i primi frammenti per la composizione del saggio critico di lettura della tavola, fungendo inoltre come primo frammento per la composizione del saggio critico di lettura della tavola.

La stesura delle didascalie arriva a sintesi nel titolo apposto in testa alla scheda. La Didascalia sintetica posta sotto l’immagine raccoglie il Titolo redazionale, dato dal Seminario Mnemosyne, e i dati essenziali sull’oggetto rappresentato e sull’elemento in tavola. Il numero dell’immagine in tavola segue una delle possibili numerazioni delle tavole, confermando quella in utilizzo nell’edizione digitale di Engramma.

OGGETTO


Autore

Il campo Oggetto raccoglie i dati disponibili (Titolo, Autore, Tecniche e Materiali, Dimensioni, Datazione, Collocazione) sull’esemplare reale a cui l’immagine in tavola fa riferimento. Nel caso di stampe (incisioni, giornali, etc.) o di multipli (monete, francobolli, etc.), realizzati in serie, non è indicata la collocazione e il luogo di conservazione. Le Note raccolgono le informazioni di base di tipo analitico e storico critico sull’oggetto qualora siano funzionali ai motivi della presenza dell’elemento in tavola.


Titolo


Tecnica e materiali


Dimensioni


Collocazione, luogo di conservazione e numero di inventario


Note

ELEMENTO IN TAVOLA


Il campo Elemento in tavola descrive il supporto utilizzato materialmente da Warburg per l’assemblaggio del pannello. Si riportano anche le dimensioni della riproduzione o dell’oggetto reale presente in tavola, la cui proporzione rispetto alle dimensioni dell’oggetto può essere significativa della strategia di montaggio.

RICORRENZE NELL’ATLANTE


Ricorrenze nell’Atlante registra le presenze dell’oggetto in altri pannelli di Mnemosyne, versione 1929, o nello stesso pannello (in dettaglio o immagine specchiata).

MENZIONI NEGLI SCRITTI DI WARBURG


La voce Menzioni negli scritti di Warburg registra ricorrenze puntuali relative all’oggetto nei saggi, negli scritti e nell’epistolario di Warburg e collaboratori, dove possibile le menzioni sono riportate in lingua originale (o in quella della fonte da cui si citano) e nella traduzione italiana.

SOGGETTO


Il campo Soggetto offre una prima lettura ragionata del significato dell’immagine e della sua presenza in collegamento al tema della tavola.

Da aggiungere un appunto finale: nella scelta delle immagini presentate nella sezione Dettagli e come corredo al Saggio interpretativo (cfr. Atlante Mnemosyne in Engramma), si è scelto di non osservare religiosamente la pedissequa restituzione degli elementi che Warburg aveva posto in tavola, come ad esempio le riproduzioni fotografiche in bianco e nero che al tempo aveva a sua disposizione. Si è scelto invece di visualizzare l’immagine dell’oggetto alla più alta qualità oggi disponibile, in funzione di una sua migliore leggibilità. Questa è la libera declinazione che il Seminario Mnemosyne propone di una seria “filologia warburghiana”.

Metodo di compilazione della bibliografia delle Tavole dell’Atlante Mnemosyne

La Bibliografia di ogni singola Tavola – a differenza della bibliografia generale sull’Atlante e su Warburg – è uno strumento necessario non solo per individuare quali contributi esistano in letteratura critica riferiti a una singola Tavola, ma soprattutto per l’approfondimento dei temi che essa presenta. Isolando le voci strettamente attinenti al pannello in esame si fornisce un importante strumento di analisi della stessa, senza disperderla – come purtroppo è riscontrabile nelle bibliografie sull’atlante – nella complessità della ‘macchina atlante’. Un buon esempio è Tavola 46, dove il tema della ‘Ninfa’ ha una bibliografia propria elefantiaca che, se inclusa integralmente e non per contributi che trattino specificamente i temi della tavola o ne illuminino particolari aspetti, andrebbe ad appannare la lettura del pannello stesso. Viceversa, in Tavola 47, l’affondo sulla bibliografia su Botticini e la Scuola dell’Arcangelo Raffaele dona luce alla costruzione semantica dell’intera tavola.

La selezione di saggi, articoli, eventuali mostre dedicate specificamente alla Tavola, aggiornati alla data di pubblicazione della lettura in Engramma, sono raccolti in maniera ragionata, divisi secondo una precisa gerarchia.

♦ Per prima cosa sono segnalati i passaggi di Saggi e frammenti di Aby Warburg in cui lo studioso tratta dei temi presenti nel pannello: la fonte degli scritti di Warburg si propone come primo elemento di confronto fra i due metodi di analisi e di restituzione degli esiti della ricerca: il saggio scritto e il montaggio delle immagini nelle Tavole dell’Atlante.

♦ In secondo luogo, si presentano i saggi che si presentano come Letture critiche complessive della Tavola.

♦ Seguono i Saggi critici, contributi in cui siano compresi passaggi o riferimenti specifici e puntuali alla Tavola.

♦ Seguono, con lo stesso criterio dei saggi critici, l’elenco di eventuali Convegni, seminari e mostre dedicati al singolo pannello.