Aby Warburg
Mnemosyne Atlas
Aby Warburg
Mnemosyne Atlas

englishitaliano
arancio

con approfondimenti content analysis

gialla

con approfondimenti e dettagli content analysis and details

Mnemosyne Atlas 1

Corrispondenze armoniche: istruzioni per l’uso

La pratica dell’epatoscopia come esempio degli effetti concreti della relazione armonica tra macrocosmo e microcosmo. La fede negli astri, presupposto della prassi divinatoria e magica, nasce in Oriente (assunta a 'religione di stato' presso i Babilonesi) ma si diffonde poi nello spazio (presso gli Etruschi) e nel tempo (astrologia ellenistica, medievale, rinascimentale).

Harmonic correspondences: instructions for use

Hepatoscopy as an example of the tangible effects of harmonic relationships between macrocosm and microcosm. Faith in the stars, a prerequisite for the practice of divination and magic, originates in the East (as 'State religion' among the Babylonians) and then spreads through space (reaching Etruscan culture) and time (Hellenistic, Medieval and Renaissance astrology).

Abtragung des Kosmos auf einen Teil des Körpers zu Weissagungszwecken. Babylonischer Staats-Sternglaube. Originäre orientalische Praktik.

Influenza del cosmo su una parte del corpo a scopo divinatorio. Fede negli astri come religione di stato babilonese. Pratica originalmente orientale.

clicca sul pannello per ingrandire

click on the plate to enlarge

1.  Fegato in argilla per l'insegnamento della divinazione babilonese, London, The British Museum

2.3.4. Tre immagini di calchi in argilla ittita-babilonesi di un fegato per divinazione con iscrizioni in accadico, I metà del XIV sec. a.C., rinvenuto nel 1907 a Boghazköi, Berlin, Staatliche Museen, Vorderasiatisches Museum

5. Stele in alabastro con il ritratto del re Assurnasirpal II, IX sec. a.C., London, The British Museum

6. Il re babilonese prega una divinità astrale [didascalia della KBW], rilievo con il re Meli-Sipak II (re della dinastia dei Cassiti; ca. 1204-1190 a.C.) che presenta sua figlia alla dea della luna Nanâ; bassorilievo su una pietra di confine (kudurru) da Susa, XII sec. a.C., Paris, Musée du Louvre

7.8. Dalle pratiche astrologiche orientali alla rinascita delle antiche forme [didascalia della KBW], pannello di una mostra organizzata da Aby Warburg nel 1926-27 nella KBW, London, The Warburg Institute

9.10 Stele babilonese con costellazioni [didascalia della KBW], "Kudurru" del re Marduk-Zakir-Schumi I (851-828 a.C.), Paris, Musée du Louvre:
– su un lato: raffigurazione a bassorilievo della costellazione delle Pleiadi e di diverse divinità babilonesi, tra cui Ka-Di, la divinità della giustizia, e Baba, la divinità della salute (rappresentata da un uccello);
– sull'altro lato: il re babilonese consegna a uno scriba del tempio un documento relativo a una donazione. La scena è contornata da dèi (da sinistra: Nusku, dio del fuoco; Ea, dio dell'acqua; Nabu, dio della saggezza; Marduk, dio di Babilonia; sopra a essi: Adad, dio del temporale; Shukamuna, dio delle battaglie)

clicca sul pannello per ingrandire i dettagli
click on the plate to enlarge details

1.1. Modello di fegato di pecora babilonese usato per insegnare l’arte dell’epatoscopia, tavoletta di argilla con iscrizioni in cuneiforme (14,6x 14,6 cm.), 1900-1600 a.C. Londra, British Museum.

1.1.Babylonian model of a sheep's liver probably used for teaching hepatoscopy, clay tablet inscribed in cuneiform (14,6x 14,6 cm), 1900BC-1600BC. London, British Musuem, London.

1.2. Modello in argilla ittita-babilonese di fegato di pecora usato per insegnare l’arte dell’epatoscopia, calco in argilla con iscrizioni in accadico (13 x 11,7 x 3,2 cm) 1400 a.C. Berlino, Vorderasiatisches Museum.

1.2. Hittite-Babylonian clay model of a sheep's liver probably used for teaching hepatoscopy, clay model with Akkadian inscriptions (13 x 11,7 x 3,2 cm), 1400 b.C. Berlin, Vorderasiatisches Museum.

1.3. Modello in argilla ittita-babilonese di fegato di pecora usato per insegnare l’arte dell’epatoscopia, calco in argilla con iscrizioni in accadico (13 x 11,3 x 2,4 cm), 1400 a.C. Berlino, Vorderasiatisches Museum.

1.3. Hittite-Babylonian clay model of a sheep's liver probably used for teaching hepatoscopy, clay model with Akkadian inscriptions (13 x 11,3 x 2,4 cm), 1400 a.C. Berlin, Vorderasiatisches Museum.

1.4. Modello in argilla ittita-babilonesi di fegato di pecora usato per insegnare l’arte dell’epatoscopia, calco in argilla con iscrizioni in accadico (11,7 x 9,5 x 3 cm), 1400 a.C. Berlino, Vorderasiatisches Museum.

1.4. Hittite-Babylonian clay model of a sheep's liver probably used for teaching hepatoscopy, clay model with Akkadian inscriptions (11,7 x 9,5 x 3 cm), 1400 b.C. Berlin, Vorderasiatisches Museum.

1.5. Stele neo-assira di Assurnasirpal II, pietra calcarea con iscrizioni accadiche, 865-860 a.C. Londra, British Museum.

1.5. Stela of Ashurnasirpal II, carved limestone with cuneiform text, 865-860 b.C. London, British Museum.
In the panel: photographic reproduction

1.6. Kudurru (stele di confine) del re Meli-Shipak II, pietra calcarea con iscrizioni in cuneiforme accadico (83 x 42 x 33 cm), 1186-1172 a.C. Parigi, Museo del Louvre.

1.6. Mesopotamian kumurru (borderstone) stela of Meli-Shipak II, carved limestone with cuneiform text in Akkadian (83 x 42 x 33 cm), 1186-1172 b.C. Paris, Louvre Museum.

1.7. Modello etrusco in bronzo di fegato di pecora usato per insegnare l’arte dell’epatoscopia, bronzo inciso con iscrizioni (12,6×7,6×6 cm), II-I sec. a.C. Piacenza, Museo Civico.

1.7. Etruscan model of a sheep's liver probably used for teaching hepatoscopy, inscribed bronze model (12,6×7,6×6 cm). Piacenza, Civic Museum.

1.8. “Dalle pratiche astrologiche orientali alla rinascita delle antiche forme” (didascalia della KBW), pannello di una mostra organizzata da Aby Warburg nel 1926-27 nella KBW. Londra, The Warburg Institute.

1.8. “From Eastern Astrology to Antique Forms’Renaissance”, panel of a 1926-1927 Exhibition by Aby Warburg at the KWB. London, The Warburg Institute.

1.9. Kudurru (stele di confine) del re Marduk-zakir-shumi I: costellazione delle Pleiadi e di diverse divinità; babilonesi, pietra calcarea con iscrizioni in cuneiforme (32,4 x 14,7 x 4,3 cm), 850-819 a.C. Parigi, Museo del Louvre.

1.9. kumurru (borderstone) stela of Marduk-zakir-shumi I: bas-relief of Pleiades and Babylonian gods, carved limestone with cuneiform text (32,4 x 14,7 x 4,3 cm), 850-819 b.C. Paris, Louvre Museum.

1.10. Kudurru (stele di confine) del re Marduk-zakir-shumi I: il re babilonese compie un atto di donazione verso Ibni-Istar, scriba di Eanna, pietra calcarea con iscrizioni in cuneiforme (32,4 x 14,7 x 4,3 cm), 850-819 a.C. Parigi, Museo del Louvre.

1.10. kumurru (borderstone) stela of Marduk-zakir-shumi I: the king presents a donation to Ibni-Istar scribe of Eanna before many gods, carved limestone with cuneiform text (32,4 x 14,7 x 4,3 cm), 850-819 b.C. Paris, Louvre Museum.


La Rivista di Engramma
ISSN 1826-901X
Mnemosyne Atlas on line [2004] 2012-
  • Atlas plates: ©The Warburg Institute Archive
  • versione inglese: elizabeth thomson
  • progetto grafico: daniele savasta
  • Atlas plates: ©The Warburg Institute Archive
  • english version: elizabeth thomson
  • graphic design: daniele savasta