Aby Warburg
Mnemosyne Atlas
Aby Warburg
Mnemosyne Atlas

englishitaliano
arancio

con approfondimenti content analysis

gialla

con approfondimenti e dettagli content analysis and details

Mnemosyne Atlas 3


Sotto nuovi cieli

Il processo di orientalizzazione delle divinità greche durante l’Ellenismo: agli Olimpi si sovrappongono le divinità orientali (figure ibride, monstra); alle immagini mitologiche che popolano le sfere celesti si aggiungono quelle dei segni zodiacali e dei decani. Cambia lo schema di rappresentazione grafica del cosmo: dal globo sferico alla ‘scacchiera’, sua proiezione bidimensionale. Inizia la saga delle peregrinazioni di Perseo come figura mitica-astrale.

Beneath new heavens

The process of orientalization of the Greek gods during the Hellenistic period. The iconography of Oriental gods overlaps that of the Olympians (hybrid figures, monstra); new figures of the zodiacal signs and the decans join the mythological images that crowd the celestial spheres. Graphical representation of the cosmos changes: from spherical globe to 'game-board’, its two-dimensional projection. The saga of the wanderings of Perseus as mythical-astral character begins.

Orientalisierung der antiken Bilder. Gott als Monstrum. Anreicherung der Sphära (Tierkreis+Dekane). Übertragung des Globus auf die Fläche. Kosmologisches Würfelbrett. Perseus-Sage.

Orientalizzazione delle immagini antiche. Dio come monstrum. Arricchimento della sfera (circolo zodiacale + decani). Trasposizione piana del globo. Scacchiere cosmologico. Saga di Perseo.

clicca sul pannello per ingrandire

click on the plate to enlarge

1. Tutela Panthea (divinità gallo-romana), nella mano sinistra una doppia cornucopia con i busti di Diana e Apollo; sulla faccia anteriore delle sue ali i Dioscuri; in alto, allineati lungo una falce di luna, le sette divinità dei giorni della settimana (Saturno, Sole, Luna, Marte, Mercurio, Giove, Venere), statuetta di argento fine del II sec. d.C., rinvenuta a Mâcon, Francia, London, The British Museum)

2. Tavola astrologica con Zodiaco e Decani, raffigurazione della cosiddetta Tavola Bianchini, frammento marmoreo, tardo egizio, sec. II d.C., Paris, Musée du Louvre)

3. Diana di Efeso, statua in bronzo e alabastro, 120-140 d.C., Napoli, Museo Archeologico Nazionale)

4. Particolare della Diana di Efeso, statua in bronzo e alabastro, 120-140 d.C., Napoli, Museo Archeologico Nazionale)

5. Zeus di Heliopolis, riproduzione di un bassorilievo votivo, fine del II sec. d.C., rinvenuto a Nîmes nel 1752, Avignon, Musée Calvet

6. Zodiaco circolare di Dendera - costellazione degli astri a 10° (decani) – i dodici segni zodiacali coi pianeti (secondo la dottrina dell'ascendente). Costellazioni di stelle fisse degli egiziani [didascalia della KBW], illustrazione della raffigurazione sul soffitto del tempio di Hathor a Dendera, bassorilievo in pietra arenaria di età tolemaico-romana, Paris, Musée du Louvre

7. Divinità dell'antico Oriente di età romana (Jupiter Dolichenus), sulla veste: i sette pianeti [didascalia della KBW], Jupiter Heliopolitanus, statuetta in bronzo, II-III sec. d.C., Paris, Musée du Louvre

8. Zodiaco rettangolare da Dendera. Nella fascia superiore la raffigurazione dei dodici segni astrologici con le stelle fisse degli egiziani ('paranatellonta') e i pianeti. Nella fascia inferiore le divinità dei Decani [didascalia della KBW], bassorilievo del pronaos del tempio di Dendera campata verso sud, 14-37 d.C., Egitto

9. Zodiaco rettangolare da Dendera. Nella fascia superiore la raffigurazione dei dodici segni astrologici con le stelle fisse degli egiziani ('paranatellonta') e i pianeti. Nella fascia inferiore le divinità dei Decani [didascalia della KBW], bassorilievo del pronaos del tempio di Dendera campata verso nord, 14-37 d.C., Egitto

in preparazione

in fieri

La Rivista di Engramma
ISSN 1826-901X
Mnemosyne Atlas on line [2000,2004] 2012
aggiornamento: settembre 2014
  • Atlas plates: ©The Warburg Institute Archive
  • versione inglese: elizabeth thomson
  • progetto grafico: daniele savasta
  • Atlas plates: ©The Warburg Institute Archive
  • english version: elizabeth thomson
  • graphic design: daniele savasta