Aby Warburg
Mnemosyne Atlas
Aby Warburg
Mnemosyne Atlas

englishitaliano
arancio

con approfondimenti content analysis

gialla

con approfondimenti e dettagli content analysis and details

Mnemosyne Atlas 61-64



Servitù e dominio di Nettuno

Nettuno si presta come “dio servente” per celebrazioni allegoriche nei più diversi contesti (le repubbliche marinare; gli stati nazionali; le corti festanti), ma anche come figura in cui riemerge il pathos barocco del ratto. Come antica divinità, Nettuno mantiene comunque un aspetto magico-demonico: è il nume al quale votarsi per placare i flutti e conquistare nuovi domini (secondo il motto virgiliano "Quos ego tandem").

Neptune: servitude and command of the Seas

Neptune lends himself as a ‘servant god’ for allegorical ceremonies in different contexts (the Maritime Republics; modern Nation States; feasts in the royal courts). He is also the image from which the expressive formula of pathos for ‘abduction’ emerges in Baroque art. As an ancient god, Neptune still preserves his daemonic and magical aspect: he is the tutelary deity to worship to appease stormy seas and so conquer new dominions (in accordance with Vergil’s motto ‘Quos ego tandem’).

Neptun als dienender “servierender Gott“. Quos ego. “Vergil".

Nettuno in funzione di "dio servente". Quos ego. “Virgilio”.

clicca sul pannello per ingrandire

click on the plate to enlarge

1. Scuola di Fontainebleau (Antonio Fantuzzi?), Nettuno e Minerva, acquaforte, secondo terzo del sec. XVI

2. Giorgio Vasari, Cosimo de' Medici ispeziona le fortificazioni dell'Isola d'Elba. Sul mare Nettuno con Sicurtà, affresco, 1556-1557, Firenze, Palazzo Vecchio, Sala di Cosimo I

3. Jacopo Sansovino, Nettuno, statua marmorea, 1554-1568, Venezia, Palazzo Ducale, Scala dei Giganti.

4. Pietro Bacci, Fontana di Trevi, il gruppo di Oceano, marmo, 1762, Roma.

5. Marcantonio Raimondi (da Raffaello), "Quos ego" (Nettuno placa i flutti), acquaforte su rame, 1530 ca.

6. Giulio Bonasone, "Quos ego" (Nettuno placa i flutti), acquaforte su rame, 1540 ca.

7. Nettuno lascia naufragare la nave di Odisseo, arazzo dalla serie "Storie di Telemaco", post 1527, Escorial, Monasterio de San Lorenzo el Real.

8. Philipp Galle (da Adrian Collaert), Nettuno, acquaforte su rame, 1589

9. Frans Francken II, L'Europa fra le due Indie e gli altri continenti, allegoria dell'abdicazione di Carlo V e dei possedimenti spagnoli d'oltreoceano (in un dettaglio, l'immagine di Nettuno), dipinto, 1636 ca., Amsterdam, Rijksmuseum

10. Da Peter Paul Rubens, "Quos ego" (Nettuno placa i flutti), dalla sequenza di immagini per l'ingresso del Infante Cardinale Ferdinando ad Anversa, schizzo a olio, 1635, Dresden, Gemäldegalerie

11. Jacob Matham (da Bartholomäus Spranger), Trionfo di Nettuno e Teti, acquaforte su rame, 1620 ca.

12. Marco Angolo del Moro, Trionfo di Nettuno, acquaforte su rame, seconda metà del sec. XVI, London, The British Museum

13. Cornelis Bos, Trionfo di Nettuno, acquaforte su rame, 1532 

14. Peter Paul Rubens, "Quos ego" (Nettuno placa i flutti), dalla sequenza di immagini per l'ingresso del Infante Cardinale Ferdinando ad Anversa, schizzo a olio, 1635, Dresden, Gemäldegalerie

15. Sébastien de Clerc (da Charles Le Brun), Nettuno e Anfitrite, da André Félibien, Tapisseries du Roy, où sont représentez les quatre élements et les quatre saisons, Paris (1668) 1670, nr. 13

16. Pietro del Po (da Giulio Romano), Il rapimento di Psyche, acquaforte su rame, seconda metà del sec. XVII

17. Nettuno, incisione da Paolo Veronese (Venezia, Palazzo Ducale, Sala del Consiglio) da Valentin Lefebvre, Opera selectiora quae Titianus (…) et Paulus Calliari Veronensis inventarunt ac pinxerunt, (1680) 1682

18. Cerchia di Giorgio Ghisi (da Perin del Vaga), Nettuno, acquaforte su rame, 1550 ca.

19. Jacob Jordaens, Il ratto di Europa, dipinto, 1645 ca., Braunschweig, Herzog Anton Ulrich Museum

in preparazione

in fieri

La Rivista di Engramma
ISSN 1826-901X
Mnemosyne Atlas on line [2000,2004] 2012
aggiornamento: settembre 2014
  • Atlas plates: ©The Warburg Institute Archive
  • versione inglese: elizabeth thomson
  • progetto grafico: daniele savasta
  • Atlas plates: ©The Warburg Institute Archive
  • english version: elizabeth thomson
  • graphic design: daniele savasta